Fatturazione Elettronica FeB2B - Firma Digitale - PEC Ready

Oltre 75 anni trascorsi affiancando il cliente offrendo un servizio customizzato in base alle Sue esigenze, dimensioni ed ambizioni

“La sapienza è figliola della sperienzia” L. Da Vinci

Consulenze e Servizi

Consulenza del Lavoro

Gestione completa del personale dipendente e parasubordinato

Fiscale e Tributario

Gestione completa dei rapporti tra Erario e Contribuenti

Operazioni Straordinarie

Assistenza del cliente nelle operazioni straordinarie aziendali

Valutazione d’Azienda

Assistenza del cliente nella valutazione di business ulteriori e/o alternativi

Start Up Innovative

Consulenza alle start up innovative, dall’idea all’avvio attività

Contenzioso Tributario

Assistenza contenzioso Agenzia Entrate e ricorsi Commissioni Tributarie

Accesso Servizi Online

Powered by TeamSystem

I nostri numeri

0
Anni
0
Clienti
0
Professionisti
0
Awards
0
Sedi

Monetizzare e cancellare il debito. I Paesi che lo fanno e come funziona

Nelle prossime settimane potrà tornare alla ribalta il tema della monetizzazione. Ecco cosa accade quanto politica monetaria e politica fiscale vanno a braccetto...

Piazza Affari frena sul finale. Trump minaccia dazi su auto Ue, Fca -2,4%

Le borse europee riducono i guadagni dopo il tweet del presidente Usa su possibili dazi del 20% sull'import di auto. Opec annuncia aumento produzione, inferiore alle stime. A Milano volano Bper, Tenaris e Saipem...

La settimana del fisco dal 18 al 22 giugno 2018

Amici e Colleghi,  Ben ritrovati!  Eccoci al riepilogo delle notizie fiscali della settimana. Iniziamo con la scadenza per la pubblicazione degli elenchi delle imprese assegnatarie del voucher digitalizzazione PMI .

Voucher digitalizzazione per le PMI: imprese assegnatarie 

Disponibile sul sito del Ministero dello Sviluppo economico e consultabile per regione, l’elenco delle imprese assegnatarie delle agevolazioni con l’indicazione dell’importo del Voucher prenotato, approvato con Decreto direttoriale del 1° giugno 2018. L’elenco è stato definito a seguito dell’integrazione della dotazione finanziaria dell’intervento, avvenuta con il decreto ministeriale 23 marzo 2018, e dell’espletamento dei controlli amministrativi su tutte le domande.

Si ricorda che per fruire del voucher  il progetto di digitalizzazione dei processi aziendali e ammodernamento tecnologico deve avere una durata non superiore a 6 mesi (a decorrere dal 14 marzo 2018) e pertanto deve essere ultimato entro il 14 settembre 2018.Le imprese assegnatarie del Voucher, a seguito della realizzazione del progetto e del saldo di tutte le relative spese, possono presentare la richiesta di erogazione a partire dal 14 settembre 2018 e per i successivi 90 giorni.

Comunicazione dati locazioni brevi: proroga al 20 agosto

Con il provvedimento del 20.06.2018 l’Agenzia delle Entrate ha prorogato al 20 agosto il termine, inizialmente previsto per il 2 luglio 2018, per l’invio dei dati relativi ai contratti di locazione breve stipulati nel 2017, da parte degli intermediari immobiliari/soggetti che gestiscono portali telematici, e che mettono in contatto locatori con inquilini.  L’art. 4 del D.l. 50/2017 – c.d. Manovra Correttiva – ha introdotto infatti l’obbligo per i soggetti che esercitano attività di intermediazione immobiliare, anche con portali telematici ,  di trasmettere i dati relativi ai contratti di locazione breve, conclusi per il loro tramite, entro il 30 giugno dell’anno successivo .

La prima scadenza di tale adempimento era prevista per il 2.7.2018 ,  con riferimento ai contratti stipulati nel 2017;  le specifiche tecniche per la trasmissione telematica di tali dati però  sono state fornite , il 12.06.2018, quasi a distanza di un anno dall’entrata in vigore dell’obbligo.  In ragione di questo ritardo  l’Agenzia delle Entrate ha deciso di prorogare tale adempimento per consentire ai soggetti interessati un tempo giusto per adempiere all’obbligo. La scadenza è posticipata al 20.08.2018, al termine cioè della proroga di Ferragosto (art. 37 comma 11-bis D.l. 223/2006).

Rivalutazione terreni e partecipazioni entro il  2 luglio 2018

La Legge di Bilancio 2018 (L. 205/2017) infatti ha prorogato per l’ennesima volta la possibilità di rivalutare i terreni e le partecipazioni possedute non in regime di impresa. In particolare, possono fruire della rivalutazione i contribuenti che, in caso di cessione, realizzerebbero potenzialmente un “reddito diverso”. Si tratta, quindi, dei seguenti soggetti:

  • le persone fisiche residenti, per le cessioni di partecipazioni o di terreni che non generano reddito di impresa;
  • le società semplici
  • le società e gli enti ed equiparate alle società semplici ex art.5 DPR 917/86; quali, ad esempio, le associazioni professionali;
  • gli enti non commerciali residenti, per attività non in regime di impresa;
    soggetti non residenti, per le plusvalenze derivanti dalla cessione a titolo oneroso di partecipazioni in società residenti in Italia che non siano riferibili a stabili organizzazioni.
    Il termine ultimo per la redazione della perizia dei terreni è categoricamente prima della cessione dello stesso ed entro il 2 luglio 2018. Tale data è anche il termine entro il quale deve essere effettuato il versamento dell’imposta sostitutiva, in modo da “perfezionare” la rivalutazione. Si ricorda che l’aliquota dell’imposta sostitutiva è pari all’8% sia per i terreni, sia per le partecipazioni, e indipendentemente dal fatto che si tratti di partecipazioni qualificate o non.

Conti correnti senza spese disciplinati dal Mef

Il 19 giugno è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale (G.U. serie generale n°140) il decreto del Mef con l’obiettivo di dare indicazioni per l’istituzione da parte degli istituti di credito di conti correnti di base, con un basso canone annuo, con cui fruire   di servizi a costo zero.  Nel decreto del Mef vengono individuate le fasce di clientela socialmente svantaggiate e i titolari di trattamenti pensionistici ai quali il conto di base dovrà essere offerto senza spese:
• coloro i quali abbiano un ISEE inferiore a 11.600 euro
• gli aventi diritto a trattamenti pensionistici fino all’importo lordo annuo di euro 18.000.

Nel decreto non si fa riferimento ad un costo preciso del canone annuale, tuttavia lo stesso si considererà ragionevole e coerente con le finalità di inclusione finanziaria, quando risulta uguale o superiore ai costi sostenuti dal prestatore di servizi .

Nuove Zone Franche Urbane: beneficiari e codice tributo

Due documenti di prassi ieri sulle nuove zone franche urbane. Con un comunicato stampa il MISE (Ministero dello Sviluppo Economico) ha annunciato che sono stati approvati gli elenchi dei beneficiari delle agevolazioni fiscali e contributive previste per le zone franche urbane di   Pescara, Matera, Velletri, Sora, Ventimiglia, Campobasso, Cagliari, Iglesias, Quartu Sant’Elena,Massa-Carrara.

In particolare,sono stati concessi 63,9 milioni di euro a 4.693 imprese e professionisti. Sempre nella giornata di ieri, l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato la Risoluzione n. 45/2018 con cui  sono stati istituiti i codici tributo per utilizzare tale importo:

  • Z149 – denominato “ZFU CENTRO ITALIA – Agevolazioni alle imprese e ai titolari di reddito da lavoro autonomo per riduzione versamenti – art. 1, comma 745, della legge n. 205/2017
  • Z150 – denominato “ZFU CENTRO ITALIA – Agevolazioni alle imprese individuali e familiari per riduzione versamenti – art. 1, comma 746, della legge n. 205/2017

 



L'articolo La settimana del fisco dal 18 al 22 giugno 2018 proviene da FISCOeTASSE.com Blog.

Bancomat prepara la svolta ed entra nel business dei pagamenti digitali

L’ad Zollo: «Il nuovo piano prevede investimenti per 40 milioni»...