Fatturazione Elettronica FeB2B - Firma Digitale - PEC Ready

Oltre 75 anni trascorsi affiancando il cliente offrendo un servizio customizzato in base alle Sue esigenze, dimensioni ed ambizioni

“La sapienza è figliola della sperienzia” L. Da Vinci

Consulenze e Servizi

Consulenza del Lavoro

Gestione completa del personale dipendente e parasubordinato

Fiscale e Tributario

Gestione completa dei rapporti tra Erario e Contribuenti

Operazioni Straordinarie

Assistenza del cliente nelle operazioni straordinarie aziendali

Valutazione d’Azienda

Assistenza del cliente nella valutazione di business ulteriori e/o alternativi

Start Up Innovative

Consulenza alle start up innovative, dall’idea all’avvio attività

Contenzioso Tributario

Assistenza contenzioso Agenzia Entrate e ricorsi Commissioni Tributarie

Accesso Servizi Online

Powered by TeamSystem

I nostri numeri

0
Anni
0
Clienti
0
Professionisti
0
Awards
0
Sedi

Assegno per il nucleo familiare (ANF): calcolo del reddito familiare

A seguito delle richieste pervenute all’INPS in merito alla corretta indicazione dei redditi percepiti dal nucleo familiare ai fini della domanda di Assegno per il Nucleo Familiare (ANF), l’Istituto fornisce chiarimenti in materia con il messaggio 18 luglio 2019, n. 2767.

I chiarimenti riguardano, nel dettaglio, la disciplina delle somme percepite come sostegno alla natalità e trattamenti di famiglia nel calcolo del reddito familiare ai fini della richiesta dell’ANF da parte dei lavoratori dipendenti del settore privato non agricolo.

Le prestazioni di interesse sono:

  • il Premio alla nascita;
  • l’Assegno di natalità (c.d. bonus bebè);
  • il Reddito di garanzia, il Contributo famiglie numerose e l’Assegno regionale per il nucleo familiare, previsti per la Regione autonoma Trentino - Alto Adige.

Questi contributi e prestazioni sono esclusi dalla formazione del reddito complessivo e, pertanto, non sono da considerare ai fini della verifica del requisito reddituale valido per il diritto e la misura dell’ANF.

Aree di crisi industriale complessa: proroga della mobilità in deroga

Il decreto-legge 30 aprile 2019, n. 34, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 giugno 2019, n. 58, ha previsto la proroga per il 2019, per ulteriori 12 mesi, del trattamento di mobilità in deroga nelle aree di crisi industriale complessa.

Il trattamento si applica anche ai lavoratori che hanno cessato o cessano la mobilità ordinaria o in deroga entro il 31 dicembre 2019, nel limite di spesa di 16 milioni di euro per il 2019 e di 10 milioni di euro per il 2020.

Con il messaggio 18 luglio 2019, n. 2768, si comunica che saranno modificate le indicazioni fornite con il messaggio 24 gennaio 2019, n. 322 nelle sole parti che si riferiscono alla data in cui i beneficiari devono aver cessato la mobilità ordinaria o in deroga e al periodo concesso.

L’Istituto, quindi, nel liquidare la prestazione, verificherà che il beneficiario abbia terminato un trattamento di mobilità ordinaria o in deroga non più nel periodo dal 22 novembre 2017 al 31 dicembre 2018 ma dal 22 novembre 2017 al 31 dicembre 2019.

Stalking spaventare con il cane le figlie dei vicini per fargli cambiare casa

Via libera alla condanna per stalking per la coppia di signore che, per indurre i vicini a cambiare casa fanno circolare il loro cane nelle aree comuni spaventando le...