Fatturazione Elettronica FeB2B - Firma Digitale - PEC Ready

Oltre 75 anni trascorsi affiancando il cliente offrendo un servizio customizzato in base alle Sue esigenze, dimensioni ed ambizioni

“La sapienza è figliola della sperienzia” L. Da Vinci

Consulenze e Servizi

Consulenza del Lavoro

Gestione completa del personale dipendente e parasubordinato

Fiscale e Tributario

Gestione completa dei rapporti tra Erario e Contribuenti

Operazioni Straordinarie

Assistenza del cliente nelle operazioni straordinarie aziendali

Valutazione d’Azienda

Assistenza del cliente nella valutazione di business ulteriori e/o alternativi

Start Up Innovative

Consulenza alle start up innovative, dall’idea all’avvio attività

Contenzioso Tributario

Assistenza contenzioso Agenzia Entrate e ricorsi Commissioni Tributarie

Accesso Servizi Online

Powered by TeamSystem

I nostri numeri

0
Anni
0
Clienti
0
Professionisti
0
Awards
0
Sedi

La settimana del fisco dal 12 al 16.11.2018

Amici e Colleghi,Ben ritrovati! Vediamo insieme la carrellata delle principali notizie fiscali della settimana. Partiamo dalle agevolazioni del Decreto Genova:

Decreto Genova: approvate le agevolazioni per i soggetti coinvolti dal crollo del ponte Morandi
Il 15.11.2018, è stato approvato il c.d. Decreto Genova (D.l. 109/2018) che prevede:

¨     esenzione (a decorrere dall’anno in corso fino al 31.12.2020) dall’ Irpef, Ires, Irap, Imu e Tasi per i fabbricati oggetto di ordinanze di sgombero adottate a  seguito  dell’evento;

¨     esenzione dalle imposte dirette e dall’Irap per i contributi, gli indennizzi e i risarcimenti ottenuti da privati (proprietari o  titolari  di  diritti  di godimento o residenti o domiciliati o che hanno sede o unità  locali in  immobili  che  abbiano  subito  danni  direttamente   conseguenti all’evento, verificati con  perizia  asseverata) a seguito del crollo del ponte Morandi;

¨     esenzione dall’imposta di bollo e dall’imposta di registro per le istanze, i contratti e i documenti presentati alla Pubblica amministrazione fino al 31 dicembre 2020, in conseguenza del crollo e relativi ai fabbricati oggetto di ordinanze di sgombero adottate a  seguito  dell’evento;

¨     esenzione dal  14  agosto  2018 dall’imposta di successione, dalle imposte e tasse ipotecarie e catastali e dall’imposta di bollo per gli immobili demoliti o dichiarati inagibili a seguito del crollo;

¨     sospensione dal 14 agosto 2018 fino al 31 dicembre 2019, dei termini di notifica delle cartelle di pagamento e dei termini delle altre attività di riscossione coattiva a favore di coloro che sono residenti o che hanno sede o unità locali negli immobili sgomberati o danneggiati a seguito del crollo;

¨     riconoscimento, per le imprese (aventi  sede  operativa  all’interno  della  zona delimitata con le ordinanze del Sindaco del Comune di Genova) che hanno subito dal  14  agosto  2018  alla  data  di entrata in vigore del presente decreto  un decremento di fatturato rispetto  al  corrispondente  periodo  dell’anno  2017, di una somma fino al 100% (e nel limite massimo di euro  200.000) del decremento stesso;

¨     riconoscimento di diverse agevolazioni fiscali alle  imprese facenti parte della zona franca urbana (Zfu), appositamente istituita, che hanno subito a causa dell’evento una riduzione del fatturato almeno pari al  25% nel periodo dal 14 agosto 2018 al 30 settembre  2018,  rispetto al corrispondente periodo dell’anno 2017.

Aggiornato il modello per l’opposizione del riporto delle spese sanitarie nella precompilata
L’Agenzia delle Entrate ha aggiornato il modello con cui il contribuente può opporsi all’utilizzo–  da parte del Ministero dell’Economia e delle Finanze e Agenzia delle Entrate – delle informazioni contabili relative alle spese sanitarie sostenute nell’anno fiscale 2018 ai fini dell’elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata 2019.

Per opporsi all’inserimento dei dati delle spese sanitarie nella precompilata è possibile:

¨     comunicare entro l’8.2.2019 tale volontà direttamente all’Agenzia delle Entrate tramite l’apposito modello. La comunicazione può avvenire:

ü  tramite consegna presso un qualsiasi ufficio territoriale delle Entrate;

ü  tramite e-mail all’indirizzo  opposizioneutilizzospesesanitarie@agenziaentrate.it;

ü  telefonando a un Centro di assistenza multicanale (numero verde 800909696, 0696668907 da cellulare, +39 0696668933 dall’estero);

¨     accedere all’area autenticata del sito web del Sistema tessera sanitaria (tramite tessera sanitaria Ts-Cns oppure utilizzando le credenziali Fisconline) e consultare l’elenco delle spese sanitarie. A questo punto è possibile selezionare le singole voci per le quali esprimere la propria opposizione all’invio dei relativi dati. Tale procedura è utilizzabile dall’8 febbraio al 9 marzo 2019.

IVA ridotta per i prodotti editoriali on line: la normativa italiana diventa compatibile con quella europea
Nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea del 14 novembre 2018 è stata pubblicata la direttiva (Ue) 2018/1713 che consente agli Stati membri di applicare alle pubblicazioni fornite per via elettronica le stesse aliquote Iva previste per le pubblicazioni su supporti fisici. La nuova disposizione entrerà in vigore il 20° giorno successivo alla sua pubblicazione, quindi, il prossimo 4 dicembre. In questo modo la normativa italiana, che già stabilisce l’applicazione dell’aliquota ridotta del 4% anche ai prodotti editoriali elettronici, diventa compatibile con quella europea.

Pubblicato l’elenco degli ammessi al tax credit librerie
Sul sito del Ministero dei Beni Culturali è stato pubblicato l’elenco dei soggetti beneficiari del credito d’imposta librerie (articolo 1, commi da 319 a 321, legge 205/2017) a favore degli esercenti attività commerciali che operano nel settore della vendita al dettaglio di libri, che hanno sviluppato, nel corso dell’esercizio finanziario precedente, ricavi derivanti dalla cessione di libri pari ad almeno al 70% dei ricavi complessivamente dichiarati. Affinché venga riconosciuto il credito, le librerie dovevano presentare apposita richiesta per via telematica, alla Direzione generale Biblioteche e istituti culturali del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, tramite il portale taxcredit.librari.beniculturali.it entro lo scorso 30.09.2018.
Una volta individuati i soggetti beneficiari e l’ammontare del credito spettante a ciascuno di essi, il credito potrà essere utilizzato esclusivamente in compensazione a partire dal 10° giorno successivo a quello in cui l’importo del credito è stato comunicato.  La compensazione deve avvenire esclusivamente con il modello F24 telematico, tramite il servizi telematici offerti dall’Agenzia delle Entrate, pena il rifiuto dell’operazione.

Pubblicato l’elenco degli ammessi allo sport bonus (seconda finestra)
Sul sito della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Ufficio per lo sport, è disponibile l’elenco delle imprese ammesse allo sport bonus (credito a favore dei soggetti che hanno effettuato erogazioni liberali in denaro per interventi di restauro o ristrutturazione degli impianti sportivi pubblici), che hanno fatto apposita domanda entro il 23 ottobre scorso. I soggetti che rientrano nell’elenco hanno tempo fino al prossimo 17 novembre per effettuare la donazione, tramite bonifico bancario, bollettino postale, carte di debito, di credito e prepagate, oppure assegni bancari o circolari. Entro il prossimo 17 dicembre l’Ufficio per lo sport dovrà pubblicare la lista definitiva delle imprese a cui è riconosciuto il bonus. E questa sarà l’ultima tappa relativa all’agevolazione.

Definizione agevolata: pubblicati i provvedimenti
Con Provvedimento:

¨     del 9.11.2018, l’Agenzia delle Entrate, di concerto con l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, ha fornito le regole per la definizione agevolata degli avvisi di accertamento, di rettifica e di liquidazione, atti di recupero, inviti al contraddittorio e accertamenti con adesione notificati o sottoscritti fino al 24 ottobre 2018;

¨     del 13.11.2018 l’Agenzia delle Entrate ha definito le modalità applicative per l’accesso alla definizione agevolata (prevista dal c.d. Decreto fiscale) delle società sportive dilettantistiche.

 

TRATTO DA LA CIRCOLARE PER LO STUDIO DEL 16.11.2018 (schede circolari per i clienti sui temi di attualità fiscale)



L'articolo La settimana del fisco dal 12 al 16.11.2018 proviene da FISCOeTASSE.com Blog.

Torna il bonus bebè: +20% dal secondo figlio. Per maternità facoltativa anche 3 mesi al 60%. Tassa sulle bibite per rivedere Irap

Immancabile, come ogni anno in concomitanza con l’esame della manovra, arriva la stagione degli emendamenti “mirati” per esaudire i desiderata più o meno particolari dei parlamentari o le correzioni di rotta del Governo: 3.500 quelli depositati in commissione Bilancio, di 450 della maggioranza...

Aste immobiliari per Calabria, Friuli, Toscana, Campania e Lazio

È stato pubblicato l’estratto del bando dell’asta pubblica per le unità immobiliari residenziali libere, di proprietà dell’Istituto, nelle Regioni: Calabria (Reggio Calabria), Friuli Venezia Giulia (Gorizia, Trieste e Udine), Toscana (Firenze e Livorno), Campania (Capua), Lazio (Roma).

Le aste si svolgeranno con modalità telematica dal 18 al 20 dicembre 2018, in collaborazione con il Consiglio Nazionale del Notariato.

È possibile consultare il bando d’asta integrale, l’elenco delle unità per ciascun comune, il disciplinare d’asta e i suoi allegati che regolano le modalità di partecipazione all’asta sul sito del Notariato alla pagina RAN - Rete Aste Notarili.

Esposizione all’amianto: benefici previdenziali per il 2019-2020

Con messaggio 15 novembre 2018, n. 4253 INPS comunica che i benefici previdenziali derivanti dall’esposizione all’amianto previsti per ex lavoratori occupati nelle imprese che hanno svolto attività di scoinbentazione e bonifica, affetti da patologia asbesto-correlata derivante da esposizione all’amianto, sono riconosciuti anche per gli anni 2019 e 2020.

Pertanto il beneficio della maggiorazione dell’anzianità assicurativa e contributiva si ottiene anche per i trattamenti pensionistici aventi decorrenza nel corso degli anni 2019 e 2020.

Per accedere al beneficio gli interessati devono inviare, entro il 30 novembre 2018, domanda telematica tramite i seguenti canali:

  • servizio online dedicato, se in possesso di un codice PIN rilasciato dall’INPS, di una identità SPID o di una Carta Nazionale dei Servizi (CNS);
  • Contact center multicanale, se in possesso di un codice PIN, chiamando da telefono fisso il numero verde gratuito 803 164 o da telefono cellulare il numero 06 164164, a pagamento in base al piano tariffario del gestore telefonico;
  • patronati e intermediari dell’Istituto.